• Italiano

Settore restauro dipinti su tela e tavola

Il Settore trae le sue origini dal primo laboratorio di restauro della Soprintendenza di Firenze, fondato nel 1932 da Ugo Procacci presso i locali della Vecchia Posta al piano terra degli Uffizi, erede della tradizione dei pittori - restauratori delle Gallerie fiorentine. L'attività del laboratorio si incentrò inizialmente sul recupero della pittura fiorentina "primitiva", come si vide in occasione della grande mostra giottesca del 1937, per occuparsi poi delle opere danneggiate dagli eventi bellici e, successivamente, di quelle colpite dall'alluvione del 1966.

Estremamente potenziato nei nuovi locali della Fortezza da Basso, il Settore vide una grande crescita anche grazie al confronto con i restauratori stranieri accorsi in aiuto, fondendo la grande tradizione locale con la moderna impostazione scientifica. I risultati di questa importante stagione furono presentati nelle celebri mostre di Firenze Restaura del 1972 e poi di Metodo e Scienza del 1982.

Più recentemente il Settore, oltre a svolgere i consueti interventi di conservazione e restauro su richiesta delle Soprintendenze, ha ampliato le proprie attività alle ricerche sulle tecniche artistiche del passato, all'approfondimento dei più moderni sistemi di indagine non invasivi, ai nuovi materiali per il restauro, alla ricerca su importanti opere d'arte.

I risultati dell'attività oltreché sulla rivista dell'Istituto sono presentati in numerose pubblicazioni dedicate alla presentazione dei restauri di opere di Fra' Bartolomeo, Raffaello, Andrea del Sarto, Giotto, Botticelli e così via.


Direttore 
Cecilia Frosinini

Direttore tecnico:
Chiara Rossi Scarzanella

Funzionari restauratori conservatori 
Lucia Maria Bresci, Livia Gordini, Anna-Maria Hilling, Chiara Modesti, Alessandra Ramat, Maria Luisa Reginella, Luciano Ricciardi, Patrizia Riitano, Andrea Santacesaria, Oriana Sartiani, Isabella Sicoli

Assistenti restauratori
Francesca Bettini, Marina Ginanni, Luisa Gusmeroli, Caterina Toso

Assistente tecnico
Filippo Lagna