• Italiano

Lutto all'OPD: è scomparso Arcangelo Moles

17/09/2020

Moles

È giunta stamani con una telefonata di Mauro Matteini la triste notizia della scomparsa di Arcangelo Moles che a partire dal 1977 ha lavorato per molti anni nel laboratorio scientifico dell’Opificio delle Pietre Dure. Arcangelo Moles, chimico, era entrato poco dopo che Umberto Baldini aveva trasformato il Gabinetto restauri della Soprintendenza in un moderno istituto nazionale di conservazione e restauro e la presenza di un laboratorio scientifico era fondamentale per tale nuovo ruolo, secondo la definizione dei pilastri moderni del restauro che lo stesso Baldini stabilirà con il titolo della sua grande mostra del 1982 “Metodo e Scienza”.

Arcangelo Moles e Mauro Matteini furono così i protagonisti di quell’eroica stagione in cui l’OPD sviluppò la sua attività e la sua metodologia definendo il suo ruolo eminentemente operativo a livello nazionale ed internazionale. Lo straordinario impegno di Arcangelo Moles rese possibile questo alto livello di capacità operativa, sostenendo con indagini scientifiche precise e finalizzate, i numerosi progetti di restauro dei settori dell’istituto, contribuendo a scrivere pagine fondamentali della storia del restauro. La coppia di chimici formata da Arcangelo Moles e Mauro Matteini raggiunse presto una notevole fama nel mondo del restauro grazie anche a due importanti pubblicazioni: “Scienza e restauro. Metodi d'indagine” uscito nel 1984 e poi “La chimica nel restauro: i materiali dell'arte pittorica”, edito nel1989 che hanno avuto innumerevoli riedizioni e anche traduzioni. Nel 1986 Arcangelo Moles faceva parte del gruppo di funzionari che diede vita alla rivista “OPD Restauro” nella quale negli anni successivi interverrà ripetutamente con importanti scritti.

Mi piace ricordare anche l’Arcangelo Moles, collega ed uomo, generoso e cordiale sul quale si poteva sempre contare per venire a capo di qualunque problema relativo alla comprensione delle condizioni delle opere d’arte e del più idoneo trattamento. Grazie Arcangelo e che la terra ti sia lieve!

Marco Ciatti
Soprintendente dell'Opificio delle Pietre Dure