• Italiano

L'Angelo annunciante della Pieve di San Gennaro in Lucchesia. Il restauro e la replica.

22/06/2019

Firenze, Museo dell'Opificio delle Pietre Dure, Via Alfani, 78

OPD---Invito-presentazione--Angelo-28-giugno

L'Angelo annunciante della Pieve di San Gennaro in Lucchesia. 

Il restauro e la replica

Museo dell'Opificio delle Pietre Dure di Firenze

 In mostra dal 29 giugno al 27 settembre 2019 

 


L’Opificio delle Pietre Dure presenta il restauro di un interessante e poco noto Angelo annunciante in terracotta della Pieve di San Gennaro in Lucchesia, riconducibile stilisticamente alla grande bottega del Verrocchio e che è stato anche attribuito a Leonardo da Vinci da Carlo Pedretti.

 I documenti ricordano che il 21 luglio 1776 l'Angelo era stato colpito da una scala mentre veniva addobbata la chiesa per la festa del co-patrono San Cirillo. La parte superiore della statua cadde andando in frantumi. I documenti che riportano l'incidente ricordano che per riparare l'angelo furono acquistate 30 libbre di gesso e i colori per "ricolorillo". 

Il complesso restauro è stato compiuto dal settore dei Materiali Ceramici Plastici e Vitrei in nove mesi di intenso lavoro. Dopo la rimozione del gesso usato per la riparazione settecentesca, sono stati smontati i vecchi incollaggi inadeguati e si è proceduto alla rimozione degli spessi strati di ridipintura, lavorando sui singoli frammenti. In molte zone è stato possibile ritrovare i colori originali molto più preziosi di quelli usati dopo l'incidente settecentesco. Per esempio, il giallo sordo dell'ala nascondeva una bella azzurrite, sotto il rosso del manto è riemersa la lacca di garanza. Numerose tracce di oro zecchino in foglia testimoniano la presenza di raffinate decorazioni.

Dopo la rimozione delle ridipinture, i frammenti sono stati incollati e la figura dell'angelo si è ricomposta, mostrando una nuova veste cromatica. Dopo le integrazioni delle lacune della terracotta, si è proceduto al ritocco pittorico a selezione cromatica per ricucire le isole di colore e aiutare la corretta lettura dei volumi.

Il progetto si è reso possibile grazie al finanziamento di LEO-LEV, centro espositivo in Vinci, che ha richiesto anche una replica fedele dell'opera.

Per la prima volta il settore dei materiali ceramici e plastici si è quindi cimentato nella creazione di una copia in terracotta riproponendo la stessa tecnica pittorica dell'originale che era stata indagata con esami chimici. Per questa replica hanno messo a disposizione dell'Opificio la loro grande esperienza un ceramista e un docente dell'Accademia di Belle Arti di Firenze. Il risultato è particolarmente vistoso ma rende l’idea di come doveva presentarsi l'opera originale agli occhi dei fedeli di tanti secoli fa quando, nella oscurità della Pieve, era illuminata solo con candele o lumi a olio.

All’interno del Museo dell’Opificio delle Pietre Dure sarà possibile ammirare l’opera dopo il restauro e confrontarla con la copia moderna. Due agili video spiegheranno sia il restauro che l’esecuzione della copia.

. Ci auguriamo che la nuova leggibilità restituita dal restauro permetta un approfondito studio storico artistico su quest'opera di indubbio fascino e bellezza.


 

 

L’ANGELO ANNUNCIANTE DELLA PIEVE DI SAN GENNARO IN LUCCHESIA

 

IL RESTAURO

 

Alta Sorveglianza:

Soprintendenza ABAP di Lucca e Massa Carrara

Soprintendente: Angela Acordon

Funzionario di zona: Ilaria Boncompagni con Marcello Lera

 

Opificio Delle Pietre Dure di Firenze

  • Soprintendente: Marco Ciatti

  • Direttore del settore di restauro Materiali Ceramici Plastici e Vitrei: Laura Speranza

  • Direzione e Coordinamento del restauro: Laura Speranza

  • Restauratori: Shirin Afra , Chiara Fornari, Chiara Gabbriellini, Filippo Tattini

  • Scansione 3D, elaborazioni per mappature e realizzazione supporti in resina: Mattia Mercante

  • Coordinamento analisi scientifiche: Monica Galeotti

  • Esecuzione analisi chimiche: Monica Galeotti, Andrea Cagnini, Francesco Cantini

  • Analisi gas massa: Università di Pisa, Dipartimento di Chimica e Chimica industriale: J.J.Lucejko, Francesca Modugno

  • Documentazione fotografica in alta definizione e diagnostica per imaging (UV): Marco Brancatelli

  • Documentazione fotografica durante il lavoro: Shirin Afra,, Chiara Fornari, Chiara Gabbriellini, Mattia Mercante, Laura Speranza, Filippo Tattini

  • Riprese Video: Alice Ginavri, Mattia Mercante, Filippo Tattini,

  • Video finale: Alice Ginavri

 

REALIZZAZIONE REPLICA IN TERRACOTTA DIPINTA

 

  • Direzione e Coordinamento: Laura Speranza

  • Scansione 3D ed elaborazioni per realizzazione calchi: Mattia Mercante

  • Stampa 3D (stereolitografica): Materialise Italia

  • Realizzazione stampi in silicone e contro forme in gesso e resina: Filippo Tattini

  • Realizzazione copia in terracotta: Sergio Ricceri

  • Policromia sulla copia in terracotta: Saverio Calogero Vinciguerra con Shirin Afra e gli allievi Kristian Lepuri, Valentina Luzzi

  • Dorature sulla copia dipinta: Maria Cristina Gigli

  • Documentazione fotografica, Shirin Afra, Chiara Fornari, Chiara Gabbriellini, Alice Ginavri, Daniel Ricceri, Laura Speranza, Filippo Tattini

  • Riprese Video: Alice Ginavri, Mattia Mercante, Daniel Ricceri, Filippo Tattini

  • Video finale: Alice Ginavri