• Italiano

Cofanetto eburneo con falconieri

Oggetto: Cofanetto eburneo
Autore: manifattura siculo-normanna
Epoca: XI-XII secolo
Materiali: struttura lignea, rivestita da placche di avorio policromo e dorato; cerniere in lega di rame dorata
Misure (HxLxP): 10,5x28x14 cm
Provenienza: Certosa di Trisulti (FR)
Collocazione: Museo del Tesoro del Duomo presso la Chiesa di Sant’Andrea Apostolo di Veroli (FR)
Direzione lavori: Sandra Rossi, Anna Patera
Direzione tecnica: Paolo Belluzzo, Ilaria Pennati
Esecuzione restauro: Paolo Belluzzo, Ilaria Pennati
Indagini scientifiche: Simone Porcinai, Andrea Cagnini, Monica Galeotti, Isetta Tosini
Riferimento archivio restauri: G.R. 13544
Inizio restauro: febbraio 2019 

Il “cofanetto dei falconieri” è una delle opere più pregiate del Tesoro del Duomo di Veroli, esposto in occasione di mostre, anche internazionali (Venezia, Palazzo Ducale, 1993-1994; New York, Metropolitan Museum of Art, 1997). L’opera, analogamente all’altro cofanetto in restauro presso l’Opificio (G.R. 13545), era originariamente destinata ad uso laico, ma in una fase successiva è stata utilizzata come cassetta-reliquiario, apponendovi i sigilli in cera lacca ed una sigla identificativa. Dalla Certosa di Trisulti è poi passata alla Chiesa concattedrale di Veroli insieme ad altri cofanetti, siglati secondo la medesima sequenza in riferimento alle reliquie contenute.

Nel corso della verifica dello stato conservativo, condotta presso i laboratori di Oreficerie e Mosaico, sono stati individuati pregressi interventi di restauro, cui è riferibile l’incollaggio delle lastre eburnee alla struttura lignea e l’applicazione di un protettivo a base di resina acrilica su alcuni particolari policromi. L’opera è stata oggetto di una specifica campagna diagnostica, comprensiva del rilievo 3D, delle indagini radiografiche e multispettrali, che insieme all’esame autoptico hanno rivelato dettagli interessanti sui procedimenti tecnici di costruzione e decorazione del raffinato manufatto.